Il tablet oscurerà gli e-reader?

lettura webNel novembre 2011, in occasione di Librinnovando e della presentazione del libro di alcuni blogger (tra cui io) “La lettura digitale e il web”, avevo intitolato il mio intervento: Come convincere mia sorella che l’ebook non è il male, usando come fenotipo del lettore tradizionalmente cartaceo e visceralmente legato all’oggetto-libro mia sorella, grandissima lettrice ma che solo fino a qualche mese fa non avrebbe mai accolto l’idea di leggere su supporto digitale. E invece.
E invece escono i mini tablet e ne viene letteralmente rapita: oltre all’iPad, infatti, si procura un piccolo Samsung (7 pollici) e inizia anche a leggerci alcuni libri, apprezzando del digitale alcune delle caratteristiche evidenziate da eFFe nel suo contributo all’interno del libro suddetto: la reperibilità e la portabilità.

Insomma, va a finire che proprio quella mia sorella che mi guardava storto sin dal 2010 quando squadernavo il mio Kindle keyboard  e che affermava che la lettura per lei era solo cartacea, proprio lei mi supera a destra, bypassando l’e-reader e andando dritta verso il tablet retroilluminato.
Per non essere da meno, ma soprattutto per questioni di lavoro, mi sono deciso anch’io per un tablet a 7 pollici, optando per il Kindle Fire, prima di tutto in ragione del prezzo, inferiore a tutti gli altri tablet nel mercato, e in seconda battuta per la possibilità di sincronizzare libri e documenti con il Kindle 3.

Non intendo fare qui una recensione del Kindle Fire, ma solo testimoniare la mia esperienza di lettore kindle Firedigitale in possesso delle due diverse modalità di lettura digitale, quella “pura” dell’e-reader a inchiostro elettronico e quella multimediale e sempre connessa del tablet che, oltre a leggere, fa un sacco di altre cose – magari un po’ troppe, se si vuole mantenere la concentrazione su quanto si sta leggendo.
Purtroppo (e lo dico sinceramente) per ora devo dire che il possesso del tablet ha sottratto non poche ore di lettura su e-reader, e questo non solo (e non tanto) per la novità dell’acquisto e per il maggior appeal dell’oggetto tablet, quanto invece proprio per il fatto che quest’ultimo è multitasking e mi permette di aver in mano, oltre ai libri del Kindle 3, anche i siti web da me più visitati, la posta, la possibilità di scrivere in qualsiasi momento annotazioni, pensieri e quant’altro (basta scaricarsi Evernote), senza menzionare i giochini i quali, per quanto minimamente, hanno però contribuito a erodere ulteriore spazio alla lettura tout court che invece soleva dipanarsi indisturbata sullo schermo a inchiostro elettronico del buon vecchio Kindle, con la sua estetica vintage che fa quasi tenerezza.

Sinceramente pensavo che lo schermo retroilluminato mi disturbasse di più, invece devo dire che ho letto un intero libello senza sentire affaticamento alcuno, al contrario di altri lettori digitali come Luca “Luke” Albani che nel suo blog recensisce il Kobo Arc parlandone anche molto bene ma dichiara apertamente che per la lettura di ebook resterà fedele al suo ereader e a tal proposito menziona un articolo di Warren Adler sull’Huffington Post in cui si afferma che i lettori forti, pur possedendo anche un tablet, non abbandoneranno facilmente la lettura sui loro “parenti poveri” nati per leggere ebook senza altri ammennicoli e funzioni collaterali.

Sembra quindi che, se il tablet ha ucciso il netbook e sta minacciando il laptop (come afferma anche un articolo su Mashable), non completerà la sua opera omicida anche a spese degli ereader. Per quanto la prospettiva sia in qualche modo romantica e di vago retrogusto nerd-nostalgico, sinceramente (e a malincuore) non mi convince del tutto. Ma magari già il 2013 potrà dirci qualcosa a riguardo.

La questione comunque è piuttosto: con il tablet si legge veramente di meno (intendendo per “leggere” la lettura di ebook e testi di una certa ampiezza)? Quali sono le vostre esperienze a riguardo?

8 thoughts on “Il tablet oscurerà gli e-reader?

  1. Ciao riprendo qui il filo della discussione abbozzata ieri su twitter (https://twitter.com/pag_successiva/status/359767478127173632) sullo stesso argomento trattato nel post.

    Io mi sono avvicinato alla lettura digitale tramite tablet, non ho mai posseduto un ereader puro perciò non posso fare confronti ma posso ragionare sulla mia esperienza utente. Quando mi sono trovato a dover acquistare un device ho optato per il tablet (Nexus 7) per alcune ragioni:

    a) dovendo spendere ho preferito un device multifunzione
    b) il tablet non mi lega necessariamente a un ecosistema e mi permette di usare qualsiasi app di lettura (potendo fare confronti e anche potendo comprare dove trovo le migliori offerte)

    A parte questi motivi credo che la riflessione più consistente vada fatta sulle abitudini ne le necessità di lettura. Su tablet leggo soprattutto per ragioni professionali: leggo in particolare saggi e articoli.

    Per questo tipo di lettura ho bisogno di un device che mi consenta di agire con una certa rapidità e flessibilità sul testo e per questo la risposta dello schermo touch è essenziale. Allo stesso modo posso avere disponibili una serie di app per prendere appunti o condividere.

    Per quanto riguarda la comodità di lettura devo dire che non mi disturba la retroilluminazione, anche perché purtroppo non mi capita spesso di leggere per lunghi periodi (dal lunedì al venerdì è difficile che riesca a leggere per più di due ore). La portabilità resta buona, ma di fatto non è una mia priorità; così come non temo le distrazioni sia perché sono sempre stato un lettore distratto, sia perché mi basta spegnere il wi-fi per evitarle.

    Ma a parte l’esperienza utente, che è mia e difficilmente generalizzabile, credo che la domanda più complessa per la lettura digitale riguardi la forma che ha e avrà il content, il testo digitale. Mano a mano che la tecnologia si evolve e che si rendono possibili nuove forme di fruizione dei contenuti, di organizzazione e fruizione delle informazioni quale sarà l’ambiente più adatto ad ospitarle?

    Se la narrativa e la saggistica digitale diventano sempre più multimediali, visive, ipertestuali e interattive dobbiamo chiederci se non sarà necessario rinnovare la narrazione che ha accompagnato il marketing dei device.

    Lo schermo B&W a inchiostro elettronico sarà adatto per supportare i nuovi standard che stanno nascendo? E soprattutto quali standard vogliamo privilegiare e che forme volgiamo dare al contenuto digitale?

    Penso che il dibattito debba partire anche da queste domande

  2. Blog fatto davvero bene. Se posso permettermi di dare un piccolo consiglio, cercherei di implementare meglio la funzionalit dei feed RSS, dato che per quanto mi riguarda sono una consistente fonte di traffico. Ancora complimenti per il sito.

  3. Scusa ma quanto ti dura la batteria? Perché con il Kindle 4 praticamente mi dimentico del fatto che sia un oggetto elettronico. Lo tengo sempre con me, leggo ovunque, senza preoccuparmi, ogni sera, di metterlo in carica (col rischio, la mattina, di uscire senza averlo con me per dimenticanza). Lo metto in carica una volta al mese circa e sono più che soddisfatto.
    Senza contare che, a parità d’ingobro, il mio Kindle pesa un terzo dell’iPad Mini, e un quarto del Kindle Fire (misure prese a spanne… il Kindle pesa 100, il Mini pesa 300, il Fire pesa 400 grammi)… e se lo si usa in ogni situazione, spesso in movimento, anche questo fattore è importante!
    E se da Kindle non posso controllare la posta, navigare, etc etc… pazienza, ho sempre con me anche lo smartphone! ^^

    A ogni modo mi pare ovvio che (specie in Italia), il Tablet soppianti l’ereader prima ancora che questo trovi spazio di mercato. Le statistiche sui lettori forti da noi fanno letteralmente ridere. In Italia si legge poco, ma si gioca tanto a Angry Birds, e si passa il tempo su Facebook… per cui un ereader non è proprio il device adatto!

  4. Concordo con quello che scrivi, io col tablet mi sono trovata bene, anche perché adotto degli accorgimenti per non affaticare la vista (abbasso la luminosità, aumento la grandezza dell carattere, alterno la lettura pura e semplice di testi con altro – ad esempio la lettura dei fumetti a colori, altro vantaggio del tablet).
    Ho un iPad 2 e se dovessi cambiarlo con un altro device ad alta definizione sarei ancora più contenta, eppure come detto ho avuto modo di leggerci diversi ebook; contemporaneamente leggo su un Kindle NT, ma noto che quando devo prendere appunti mi manca il tablet. Tra l’altro io non ho il 3G e quindi non sono distratta da internet; come dici tu mi leggo anche gli articoli messi da parte su Instapaper o Pocket. Per chi non si può permettere due spese per ereader e tablet capisco che la scelta possa andare verso il tablet.

  5. Confermo Marco che a me la lettura su LCD affatica e molto. Tuttavia come sottolinei è un aspetto soggettivo, tu non ne risenti! Altro punto da mettere in evidenza: se schermi a LCD di nuova generazione attualmente prototipi rinunceranno alla retroilluminazione usata adesso inizierò serenamente a leggere su tablet di nuova generazione😉 Resistendo agli Angry Birds che verranno…

  6. Mi ricordo del tuo intervento a Librinnovando e tua sorella mi aveva ricordato molto mia mamma: lettrice forte, molto legata alla carta.
    Beh, anche mia mamma ha ceduto (complice il mio regalo di Natale, lo ammetto) e da tre settimane legge con notevole soddisfazione su un Kobo Glo. Per lei l’indiscusso vantaggio dell’ereader sulla carta è la portabilità e il fatto che i libri si smaterializzano, non occupano più spazio! Non credo che si sarebbe trovata altrettanto bene su un tablet (ha provato anche l’iPad mini di mio fratello per qualche giorno) per il peso del device: leggere coricati a letto con una mano sola è un lusso a cui si è subito abituata e a cui non vuole rinunciare!
    E in effetti pure io, che ho un tablet e un ereader, finisco sempre per leggere sul secondo e uso per posta, appunti, web e simili molto di più lo smartphone. Ma si tratta veramente di abitudini e gusti personali, il bello di avere dispositivi diversi e parzialmente sovrapponibili è proprio poter scegliere la combinazione che più ci soddisfa🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...