il ritorno dei blog viventi (per vitalizzare i libri)

La scorsa settimana ho parlato dei Sunshine Awards, questa simpatica iniziativa tra blogger che parlano di libri e dintorni, ringraziando chi ha avuto la bontà di premiare anche il mio, di blog, che oltre a questo riconoscimento sta togliendosi altre soddisfazioni. Come per esempio quella di essere stato invitato alla prestigiosa iniziativa IF BOOK THEN, un evento importante per l’editoria digitale che si svolgerà tra poco più di una decina di giorni a Milano. Ahimè purtroppo non potrò esserci, per ragioni che non sto qui a raccontare e la cosa mi dispiace parecchio, come potrà immaginare che conosce il mio blog. Pazienza, che dire, rimane la soddisfazione di essere stato preso in considerazione tra i “friends” della kermesse, che comunque seguirò in qualche modo dal web.

Altra cosa piacevole che Elogio degli e-bookmi è accaduta e mi accade sempre più spesso è quella di essere prescelto per recensire o semplicemente prendere in visione dei libri in uscita, o addirittura di contribuire in qualche modo alla loro realizzazione. Chi infatti leggerà Elogio degli e-book di Mauro Sandrini troverà la mia “chiacchierata editoriale” con Giuseppe Granieri che Sandrini  ha evidentemente trovato tanto interessante da inserirla nel suo libro,  un ebook (poteva essere altrimenti?) che consiglio a tutti, esperti, novizi o semplicemente curiosi dell’argomento –  e non lo dico certo per l’intervista, che potete leggere tranquillamente qui.

Infine, sto leggendo un intrigante libro definito “per ragazzi” edito dalle Edizioni Sanpaolo che voi comuni mortali non blogger troverete in libreria a partire dal 20 febbraio. Il titolo è Vango. Tra cielo e terra e confesso che Online dal 15 gennaio 2011 le avventure di Vangose dapprima ero un po’ diffidente, una volta iniziato il libro non volevo staccarmene più. Ben scritto, ben orchestrato, ben congegnato, parte come un giallo alla Simenon, continua come una spy story (continui cambiamenti spazio-temporali, personaggi misteriosi, ambientazione a cavallo tra le due guerre) per assumere anche connotati da romanzo di formazione dal ritmo però non lineare e  quindi più avvincente, moderno. Quello che tuttavia mi premeva dire in questo contesto è la mossa scelta da Edizioni Sanpaolo per il lancio del libro: si sono affidati ad un’agenzia specializzata per un’operazione di viral marketing che coinvolge anche blog che si occupano di libri digitali e non.

Insomma, gli organizzatori di If Book Then che ci invitano all’evento e si affidano anche a noi blogger (termine che mi fa comunque sempre sorridere, se riferito a me) per diffonderne news e altro, autori di ebook che ci chiedono di usare materiale postato, case editrici che usano i blog come cassa di amplificazione per lanciare le loro novità in uscita. Se non sbaglio, si parlava (e si parla ancora) della morte dei blog, ma a me sembrano vivi e vegeti.
E non solo a me, evidentemente.

One thought on “il ritorno dei blog viventi (per vitalizzare i libri)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...