il kindle in 5 mosse (breve guida per i neokindleisti)

Avete comprato il Kindle dopo l’arrivo del Kindle Store Italia? Pensate di farlo – per voi o per altri – in vista del Natale? Cinque informazioni che possono essere utili soprattutto a chi ha a che fare per la prima volta con l’ereader di Amazon.

- Il Kindle legge solo ebook nel formato proprietario di Amazon, .azw e il .mobi, ma potete anche leggerci documenti .doc (tra gli altri, legge anche il .txt e il .pdf, ma sinceramente non consiglio esperienze tanto estreme: ho letto un libro in pdf e ci ho rimesso due diottrie). Questo rende il Kindle dipendente dallo store di Amazon, nel bene (li scaricate direttamente nel device con un clic) come nel male (non potete farlo da altri store).

- Esiste comunque un modo per leggere anche gli ebook nel formato più diffuso, quell’epub che trovate in qualsiasi altro store digitale, a meno che essi non siano lucchettati con il tanto discusso DRM Adobe; in questo caso niente da fare (almeno in maniera legale).
Se invece trovate ebook in .epub con “social DRM” potete scaricarli nel vostro computer e poi ‘convertirli‘ in .mobi con Calibre, un programma open source facilissimo da usare e che potete utilizzare anche come “bibliotecario digitale”.

- Avete trovato sul web un post o un articolo particolarmente interessante e non avete tempo o voglia di leggerlo sullo schermo del pc? Registratevi su Instapaper e avrete modo di raccogliere gli articoli in questione per poi scaricarli in formato .mobi. Per il Kindle ci sono anche altri software simili, come per esempio Tinderizer, che inviano direttamente l’articolo al vostro device. Pratico e molto utile.

- Potete sottolineare brani e frasi e condividerle su Facebook e Twitter; personalmente non lo faccio spessissimo, ma dipende dal vostro modo più o meno social di intendere la lettura.

- Piccolo consiglio: non fate troppi confronti con il supporto cartaceo, sebbene venga spontaneo: l’ereader permette di leggere un testo, ma le analogie finiscono qui: l’esperienza di lettura digitale consiste in qualcosa di completamente a se stante, forse meno immediato, ma che dopo qualche giorno di ‘ambientamento’ offre un grado di assorbimento davvero incredibile del libro o di qualsiasi cosa avremo davanti.

Ed ora, buon Natale e buona lettura.

About these ads

4 thoughts on “il kindle in 5 mosse (breve guida per i neokindleisti)

  1. Pingback: Kindle o Kobo? La sfida ora va anche… sott’acqua | dei libri passati presenti e futuri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...